Torna a Eventi FPA
Torna al programma

  da 13:39 a 13:55

Conversazione con...Teresa Bellanova [ speech.01 ]

Sala: Streaming Rosso

Teresa Bellanova proviene dall’esperienza di sindacalista impegnata sul campo nelle battaglie contro la piaga del caporalato

Nella sua attività politica partecipa alla fase costituente del PD e nel 2013 diventa segretario del gruppo PD alla Camera; seguono la nomina a sottosegretario di stato al lavoro sotto il governo Renzi, e la nomina a viceministro dello Sviluppo economico durante il governo Renzi e il governo Gentiloni. A settembre 2019 diventa Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel Governo Conte II ed entra a far parte del partito di Renzi Italia Viva, di cui è capo delegazione nel Governo.

Intervistata da Carlo Mochi Sismondi, Presidente di FPA, Teresa Bellanova porterà al FORUM PA 2020 il suo punto di vista sul tema del lavoro e della sua dignità da rispettare e sulla centralità dell’agricoltura e della filiera alimentare sia per la resilienza del Paese, sia per la sua ripresa dopo la crisi sanitaria ed economica

Programma dei lavori

Intervista

Bellanova
Teresa Bellanova Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Biografia

Nata a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, Teresa Bellanova inizia a fare la sindacalista appena ventenne, a difesa dei diritti dei braccianti come coordinatrice regionale delle donne Federbraccianti, ed è in prima linea nella lotta alla piaga del caporalato nella sua terra. Nel 1988 viene nominata Segretaria Generale provinciale della Federazione Lavoratori AgroIndustria nella provincia di Lecce, e dal 1996 al 2000 ricopre l’incarico di Segretaria Generale Filtea (Federazione italiana Tessile Abbigliamento Calzaturiero), per poi passare alla Segreteria Nazionale dell’ente con delega alle politiche per il Mezzogiorno, politiche industriali, mercato del lavoro.

Nella sua attività politica partecipa alla fase costituente del PD e nel 2013 diventa segretario del gruppo PD alla Camera; seguono la nomina a sottosegretario di stato al lavoro sotto il governo Renzi, e la nomina a viceministro dello Sviluppo economico durante il governo Renzi e il governo Gentiloni. A settembre 2019 diventa Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel Governo Conte II ed entra a far parte del partito di Renzi Italia Viva, di cui è capo delegazione nel Governo.

Chiudi

Mochi Sismondi
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (21 e 39 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Ho fatto per dieci anni l'operaio (falegname) e poi mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 31^ edizione. Nella mia ormai trentennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 20 Governi e con 18 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Torna al programma