Torna a Eventi FPA
Torna al programma

  da 12:45 a 13:41

Per utilizzare bene i finanziamenti europei occorre saper gestire i progetti [ pa.04 ]

Sala: Sala rossa

È assolutamente necessario migliorare le capacità di gestione dei fondi ordinari e straordinari, per questo nel piano di incremento del personale e di formazione della pubblica amministrazione vanno inserite le competenze di project management. In particolare sarà illustrata la necessità di integrare le conoscenze di europrogettazione con quelle di project management ( qualificazione ISIPM- eU maps ) per garantire un monitoraggio dei progetti non soltanto rispetto all'avanzamento economico ma anche rispetto ai risultati pianificati.
 
A cura di

Programma dei lavori

Intervengono

Mastrofini
Enrico Mastrofini Presidente - Istituto Italiano di Project Management Biografia

Attualmente è Presidente dell’Istituto Italiano di Project Management (ISIPM). Laureato in matematica e specializzato in informatica, ha una trentennale esperienza come project manager e program manager in Telecom Italia, PathNet, Telecom Italia Digital Solutions e Olivetti. È in possesso delle certificazioni di project management IPMA-D, PMP®, ISIPM-Av®, è project manager professionista certificato da AICQ-SICEV (Registro Project Manager UNI 11648); è docente in diversi corsi di project management e referente scientifico in LUISS Business School per i percorsi formativi “Project management basic” e “Project management advanced”.

È autore di numerosi articoli e memorie congressuali sulle problematiche della gestione progetti. Fa parte del comitato scientifico della rivista Il Project Manager, edita da Franco Angeli. E' autore del testo "Guida alle conoscenze di gestione progetti", Franco Angeli, nuova edizione 2015, ed ha curato la "Guida ai temi ed ai processi di project management", Franco Angeli, 2017.

Chiudi

Mancini
Sabrina Mancini Consiglio Direttivo - Istituto Italiano di Project Management Biografia

Romana, laureata in scienze politiche internazionali, negli anni si è specializzata nell’applicazione del project management per il miglioramento delle performance delle persone e dei team, lavorando come specialista della PA in progetti complessi, con obiettivi di sviluppo organizzativo, gestione del cambiamento, valorizzazione delle persone.

Da anni collabora a progetti di divulgazione del modello ISIPM-eU-maps per il miglioramento della gestione dei fondi europei, anche in partnership con l’Università di Roma Tor Vergata e l’Università di Ferrara.

Con incarico istituzionale lavora alla promozione dei processi di innovazione digitale e sviluppo sostenibile, nell'ambito della Direzione regionale per lo sviluppo economico e le attività produttive, Area ricerca, innovazione per le Imprese e green economy, Regione Lazio.

Chiudi

Amici
Marco Amici Project manager - Università di Roma Tor Vergata Biografia

Marco Amici è docente e consulente in project management (PRINCE2®, ISIPM-Av®, PM2®, ePQM®) ed esperto in progettazione e gestione dei fondi europei. E’ post-doc fellow presso il Dipartimento di Management e Diritto dell’Università di Roma Tor Vergata e docente incaricato presso la Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA). E’ co-autore del modello eU-maps® e della relativa Guida alla formulazione e gestione dei progetti europei.  

Chiudi

Porcedda
Federico Porcedda Project Manager e Coordinatore Corso executive eU-maps - Università di Roma Tor Vergata Biografia

Federico Porcedda è esperto in fondi UE, euro-progettazione e Project Management. Docente accreditato e componente del Consiglio Direttivo ISIPM. Presta o ha prestato consulenza presso la Presidenza del Consiglio del Ministri, Ministero dell’Ambiente, Ministero del Lavoro e Politiche sociali, Ministero degli Affari Esteri, Anci, Formez, Comune di Cagliari.  

Professore a contratto Università di Roma LUMSA. Docente presso diversi Master Universitari in project management e fondi europei. 

È co-autore del modello eU-maps e della relativa Guida alla formulazione e gestione dei progetti europei.  

Chiudi

Deidda Gagliardo
Enrico Deidda Gagliardo ProRettore Università di Ferrara, Componente della Commissione Tecnica per la Performance Biografia

· ProRettore Vicario dell’Università degli Studi di Ferrara.

· Delegato “al Bilancio, alla Semplificazione organizzativa e alla Valorizzazione delle risorse umane” dell’Università degli Studi di Ferrara.

· Professore Ordinario in Economia Aziendale (Cattedre di “Performance, Anticorruzione e Valore Pubblico”, di “Economia e Bilancio delle Amministrazioni Pubbliche” e di “Analisi Economico Finanziaria di Bilancio”) presso il Dipartimento di Economia e Management dell’Università degli Studi di Ferrara. · Direttore scientifico del “CEntro di Ricerca sul VAlore Pubblico” (www.cervap.it), Dipartimento di Economia e Management, Università di Ferrara. Il Centro svolge attività di ricerca, con riferimento alle PA dei diversi comparti, alle loro società di gestione dei servizi e alle forme di partenariato pubblico-privato sui seguenti temi: creazione, gestione e misurazione del Valore Pubblico; co-creazione del Valore Pubblico; Performance Management (Programmazione, della Gestione, della Misurazione e della Valutazione delle Performance); Risk Management; Trasparenza e Anticorruzione; Public Management and Innovation; Public Governance; Forme Associative locali; governo e gestione dei Servizi Pubblici Locali; Organizzazione, Gestione e Valutazione del Personale, con focus sul Lavoro Agile e i POLA; Semplificazione dei processi e Digital Transformation; Intelligenza artificiale; Project Management; gestione dei Fondi Europei; Armonizzazione dei Sistemi Contabili; Analisi di Economico-Finanziaria; Accountability e della rendicontazione esterna; Marketing Pubblico; integrazione tra Performance Management, Project Management e Risk Management.

· Direttore Scientifico del Master Inter-universitario in Public Management & Innovation, per la formazione della figura del Public Value Manager, Università di Bologna e BBS (Bologna Business School), Università di Ferrara, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma, III edizione (https://www.bbs.unibo.it/hp/master-executive/public-management-and-innovation/).

· Direttore Scientifico del Master Universitario sul “Miglioramento delle PERFormance degli Enti Territoriali e delle altre pubbliche amministrazioni”, Università di Ferrara, X edizione (www.masterperfet.it).

· Direttore scientifico dei CORSI BREVI OIV, previsti dall’art. 6 del D.M. 2 dicembre 2016 e accreditati dalla SNA (Scuola Nazionale dell’Amministrazione), per la Formazione continua a favore degli iscritti nell’Elenco nazionale dei componenti degli Organismi Indipendenti di Valutazione. Università di Ferrara (www.masterperfet.it/corsi-oiv/).

· Componente della Commissione Tecnica dell’Osservatorio Nazionale del Lavoro Agile. Nominato con Decreto 20 gennaio 2021 del Ministro per la pubblica amministrazione.

· Responsabile scientifico del Progetto di ricerca multidisciplinare dal titolo “Il Valore Pubblico: nuovi modelli di governance per programmare, misurare e valutare i contributi delle performance delle PA al miglioramento del Benessere dei cittadini nella prospettiva dello Sviluppo Sostenibile”, I classificato nel bando competitivo della SNA (Scuola Nazionale di Amministrazione), Area IV “Migliorare i risultati e la qualità dei servizi”, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

· Già Componente della Commissione Tecnica per la Performance, presso il Dipartimento della Funzione Pubblica, istituita con Decreto del Ministro per la

semplificazione e la pubblica amministrazione ai sensi dell’art. 4 del DPR 105/2016 – BIENNIO Febbraio 2019 – Febbraio 2021.Co-autore delle Linee Guida del Dipartimento della Funzione Pubblica: n. 4/2019 (“La valutazione partecipativa”), n. 5/2019 (“La performance individuale”), e n. 6/2020 (“POLA -Piano Organizzativo del Lavoro Agile- e Indicatori di Performance”).

· Già Componente della Commissione Tecnica per la Performance, presso il Dipartimento della Funzione Pubblica, istituita con Decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione ai sensi dell’art. 4 del DPR 105/2016 – BIENNIO Novembre 2016 – Novembre 2018. Co-autore delle Linee Guida del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 1/2018 (“Il Piano della Performance”), n. 2/2018 (“Il Sistema di Misurazione e Valutazione delle Performance”), n. 3/2018 (“La Relazione annuale sulla Performance”).

· Già Co-autore della Relazione annuale del CNEL al Parlamento sulla qualità dei servizi pubblici (ex art. 10-bis legge 936/86). Nel 2020 con un capitolo su “Qualità e resilienza programmatica nei Piani della Performance dei Ministeri”. Nel 2019 con un capitolo dal titolo. “Il Valore Pubblico. Ovvero, come finalizzare le performance pubbliche verso il benessere dei cittadini e lo sviluppo sostenibile, a partire dalla cura della salute delle PA”.

· Già Componente del “Tavolo di lavoro sul Risk Management”, costituito dall’ANAC (Autorità Nazionale AntiCorruzione) ai fini della valutazione ed eventuale modificazione delle indicazioni contenute nel PNA sul sistema di valutazione e gestione del rischio da far confluire nel Piano Nazionale Anticorruzione - PNA 2019. Co-autore dell’Allegato Metodologico e dei “Principi Guida” del PNA 2019.

· Socio ordinario di associazioni accademiche (AIDEA, SIDREA, SISR).

· Componente di Comitati scientifici, Componente di Editorial Board, Reviewer di Collane e di Riviste scientifiche e professionali; Curatore di Pubblicazioni collettanee.

· Autore di numerose ricerche e pubblicazioni, nazionali ed internazionali, su temi quali: public performance management and measurement, public risk management, anti-corruption, transparency, public value, public management and innovation, public governance models, public value governance, e-government, business process reengineering and digital transformation, accounting information system, accounting history, cost management, management control, financial and economic analysis, accountability, startup.

· Dottorato di Ricerca 1999-2001 (XIV ciclo) presso l’Università degli Studi di Brescia, con una tesi su “La creazione di valore pubblico negli enti locali”.

Chiudi

Torna al programma