Torna a Eventi FPA
Torna al programma

  da 13:30 a 14:00

Conversazione con... Christian Vitta [ speech.35 ]

Sala: Streaming Rosso

Christian Vitta è Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia del Canton Ticino nella Confederazione elvetica.

Intervistato da Carlo Mochi Sismondi, presidente di FPA, Il Consigliere Vitta presenta le iniziative cantonali per la riforma della pubblica amministrazione e la sua digitalizzazione. Di particolare interesse, anche per gli insegnamenti che possiamo trarne, è l’esperienza di sviluppo di soluzioni attraverso la blockchain. Anche il Canton Ticino ha sperimentato il lockdown e i suoi dipendenti sono stati tutti messi in lavoro da remoto, così come per la PA italiana questa esperienza sarà poi l’inizio di una nuova modalità di lavoro anche nella nuova normalità.

Programma dei lavori

Intervista

Vitta
Christian Vitta Consigliere di Stato, Dipartimento delle finanze e dell'economia - Governo dello Stato Canton Ticino Biografia

Christian Vitta è nato a Locarno il 25 dicembre 1972, è sposato con Valeria Nembrini Vitta ed è padre di tre figli: Laura, Stefano e Lorenzo.

Dopo aver frequentato la Scuola cantonale di commercio di Bellinzona si è laureato in economia all’Università di Friborgo conseguendo il dottorato nel 2001.

A livello professionale ha collaborato quale assistente all’Università della Svizzera italiana (Facoltà di Scienze economiche) e quale ricercatore presso l’Istituto di ricerche economiche. È stato Direttore presso una società di consulenza e revisione con sede a Lugano.
La sua carriera politica è iniziata a livello comunale nel 1996 con l’elezione nel Consiglio comunale del Comune di S. Antonino. Nel 2000 è stato eletto Sindaco, carica che ha ricoperto fino ad aprile 2015.

A livello cantonale è stato membro del Gran Consiglio dal 2001 al 2015. Ha rivestito il ruolo di capogruppo del Partito liberale radicale dal 2007 e di Presidente della Commissione della gestione e delle finanze nel 2012. È stato inoltre membro del Comitato dell’Associazione dei Comuni Ticinesi, della Commissione federale delle lotterie e delle scommesse, della Commissione di vigilanza sulla formazione degli Enti locali, del Comitato dell’Associazione dei Comuni Svizzeri e della Commissione etico-giuridica del progetto Rete sanitaria.

Da aprile 2015 è Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia

Chiudi

Mochi Sismondi
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (21 e 39 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Ho fatto per dieci anni l'operaio (falegname) e poi mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 31^ edizione. Nella mia ormai trentennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 20 Governi e con 18 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Torna al programma